Crea sito
 

Disse Gesù “...dopo l’Ariete i Pesci. E poi verrà l’Acquario. Allora l’uomo scoprirà che i morti sono vivi e che la morte non esiste."  Da "Il Gesù proibito" di Mario Pincherle - IL QUINTO VANGELO
Ricerca personalizzata
 

HOME   RITORNO DALL'ALDILA'   ARTICOLI   FOTO   TIMESTREAM   SUICIDIO   ALLAN KARDEC   VOCI DI M.BACCI   TABELLA   I MORTI DICONO   LIVELLI    DIO E MAMMONA

SPIRITO DI CONFUCIO
Perle di saggezza di questo filosofo cinese vissuto 2.500 anni fa
dove ammonisce e chiarisce alcuni aspetti dell'esistenza umana e dell'aldilà. Dalla sua vera voce una incredibile testimonianza sui mondi dell'aldilà, sui grandi esseri evoluti che stanno molto al di sopra delle città spirituali e un accenno indiretto agli "helper" coloro che aiutano spiriti malconci sofferenti.
CON AUDIO ORIGINALE

SPIRITO DI ALICE GREEN
"E' stato come essere sulla Terra, con le case qua e là, ma senza rumore e traffico. Gli edifici erano incantevoli"
Alice Green in spirito, ci racconta come è andata dall'altra parte, cosa successe quando morì e il suo stupore nel constatare che "nessuno mi vedeva". Il rimprovero al marito (deceduto molti anni prima) perché non era andato al suo funerale, lo stare nella stanza tra i parenti, ma invisibile ai presenti.

SPIRITO DI MR. OHLSON
"Non ho nessun rimpianto, sono molto felice e non tornerei sulla Terra nemmeno se mi offrissero tutto l'oro della Cina"
Mr. Ohlson ci racconta la sua esperienza nell'aldilà e di come sia felice in quel mondo tanto simile alla Terra ma completamente diverso per colori, amore, vita, felicità, etc. Infatti dice che la morte
"...è l'esperienza più bella che può capitare ad un essere umano" Una testimonianza da leggere.

SPIRITO DI SAM WOODS
"Sono morto nel mio letto di vecchiaia. Nel giro di pochi giorni ho tirato le cuoia. E' come andare a dormire. Tutti i tuoi vecchi amici li ritrovi intorno a te"
.
Altra importante testimonianza diretta dal mondo dell'aldilà tramite lo spirito si Sam Woods dove rassicura tutti che non bisogna avere paura della "morte" poichè essa è la nascita in un mondo più felice e meraviglioso di questa nostra Terra poiché lì non esiste denaro.

SPIRITO SIR OLIVER LODGE
"Per noi è come una nebbia. Vi è una terribile atmosfera intorno al vostro mondo....! Tutto il tempo della vostra esistenza la vivete come sull'orlo di un precipizio..." Lo spirito di Sir Oliver Lodge ci richiama al contesto malvagio in cui versa la Terra cone le sue guerre, omicidi, cattiverie, invidie, gelosie, egoismi. Lui dice che per loro è una grande difficoltà avvicinarsi a noi poichè il mondo è avvolto in nebbie malefiche.

SPIRITO REGINA VICTORIA
"Lavorate per fare la volontà di Dio, mentre siete ancora sulla Terra. Arriverà la fine, anche se può sembrare lontana, ma io sono sicura che arriverà. "
Stupenda testimonianza della regina VITTORIA (fu Regina del Regno Unito dal 20 giugno 1837). Dalla sua vera voce ammonimenti e rettifiche sul suo operato quando era sulla Terra.
CON AUDIO ORIGINALE

   


Dannion Brinkley

Dannion Brinkley con Paul Perry
SCARICA IL LIBRO IN PDF

Il Film sulla vita e sullo straordinario evento che ha vissuto Dannion Brinkley. Da uomo violento e rissoso si è trasformato in una sorta di messaggero di pace e amore, a causa di un fulmine che lo uccise seppur per poche ore e nell'Aldilà comprese il vero scopo dell'esistenza e della vita.

 
GUARDA IL FILM


 


RITORNO DALL'ALDILA' "Capii di avere condotto la mia vita egoisticamente, sforzandomi raramente di essere d’aiuto agli altri. Non avevo quasi mai sorriso mosso da sentimenti di fratellanza o fatto dono a qualcuno di un dollaro solo per aiutare una persona in un momento di difficoltà. No, la mia vita era stata per me e solo per me. Non mi era importato mai nulla degli altri esseri umani. Guardai l’Essere di Luce e provai un sentimento di profondo dispiacere e vergogna. Mi aspettai un rimprovero, una sorta di scossone cosmico per la mia anima. Avevo rivisto tutta la mia vita e avevo capito di essere stato una persona davvero inutile.
Ebook Traduzione e Testi: Anna Sangalli - Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi  

In effetti io non mi mossi per niente, fu il tunnel ad avvicinarsi. Si sentiva un suono di campane mentre il tunnel si muoveva a spirale verso di me e poi attorno a me. Presto non vidi più nulla – non c’era Sandy che piangeva, non c’erano gli assistenti dell’ambulanza che cercavano di rimettere in moto il mio cadavere, nessuna concitata conversazione via radio con l’ospedale – solo un tunnel che mi avvolse completamente e un meraviglioso suono di sette campane che rintoccavano ritmicamente in successione. Guardai avanti, nel buio. C’era una luce lassù e io iniziai a muovermi in quella direzione più velocemente che potevo. Mi stavo muovendo senza utilizzare le gambe a una velocità elevata. Davanti a me la luce si fece sempre più splendente fino a prendere il posto dell’oscurità e mi lasciò in un paradiso di luce brillante. Era la luce più intensa che avessi mai visto, ma malgrado ciò non mi feriva minimamente gli occhi. Diversamente dal dolore che si può provare quando si passa alla luce del sole da una stanza buia, essa blandiva i miei occhi. Guardai a destra e vidi un’immagine argentata affiorare come una sagoma dalla nebbia. Mentre si avvicinava iniziai a sentire un profondo senso di amore che racchiudeva tutti i significati del mondo. Era come se stessi vedendo amante, madre e migliore amico, moltiplicato per mille.
Mentre l’Essere di Luce si avvicinava, questi sentimenti d’amore si intensificarono al punto da essere quasi troppo piacevoli da contenere. Ebbi la sensazione di diventare meno compatto, come se avessi perso almeno una dozzina di chili. Il peso del mio corpo se ne era andato e ora ero uno spirito senza fardelli. Guardai la mia mano. Era traslucida e brillante e si muoveva fluidamente, come acqua nell’oceano. Guardai il mio petto. Anche quello aveva la stessa luminosa fluidità della seta pregiata accarezzata dalla brezza leggera. L’Essere di Luce si fermò proprio di fronte a me. Fissando la sua essenza potevo vedere prismi di colori, come se fosse composto di migliaia di minuscoli diamanti, ognuno dei quali emanava i colori dell’arcobaleno. Iniziai a guardarmi attorno. Sotto di noi c’erano altri Esseri che mi somigliavano. Sembravano persi e luccicavano molto meno intensamente di me. Mentre li guardavo notai che anche io mi stavo smorzando.
Fui sconfortato nel constatare la riduzione delle vibrazioni, e guardai altrove. Volsi lo sguardo sopra di me. C’erano altri Esseri, questi erano più luminosi e brillanti. Provai disagio anche guardando verso di loro, perché iniziai a vibrare più intensamente. Fu come se avessi bevuto troppo caffè e ora acceleravo e mi muovevo troppo velocemente. Distolsi lo sguardo e osservai l’Essere di Luce, che ora era proprio davanti a me. Mi sentivo a mio agio in sua presenza, provavo una familiarità che mi indusse a credere che lui avesse sentito ogni sentimento che io avessi mai avuto, dal momento del mio primo respiro all’istante in cui fui bruciato dal fulmine. Guardando questo Essere ebbi la sensazione che nessuno potesse amarmi più di lui, che nessuno potesse trasmettermi maggiore empatia, comprensione, sostegno, partecipazione incondizionata.
Benché mi riferisca all’Essere di luce come a un “lui”, non ho mai inteso questo Essere come un maschio oppure una femmina. Ho rivissuto questo incontro iniziale molte volte nella mia mente e posso affermare che nessuno degli Esseri che incontrai aveva un genere, solo un grande potere. L’Essere di Luce mi avvolse, e quando lo fece iniziai a rivivere la mia intera esistenza, sentendo e vedendo ogni cosa che mi fosse mai successa. Fu come se una diga avesse ceduto e ogni memoria immagazzinata nella mia testa ne fosse fuoriuscita. Questa panoramica della mia vita non fu piacevole. Dal momento in cui iniziò fino alla fine, fui messo di fronte alla nauseante realtà di essere stato una persona sgradevole, egocentrica e meschina. La prima cosa che vidi fu la mia rabbiosa infanzia. Vidi me stesso infastidire gli altri bambini, rubare le loro biciclette o opprimerli a scuola. Una delle scene più vivide fu quella in cui assillavo un bambino alla scuola elementare perché aveva un gozzo prominente sul collo. Anche gli altri bambini nella classe ce l’avevano con lui, ma io ero il peggiore. Ai tempi pensai che fosse divertente.
Ma ora, mentre rivivevo la scena, mi ritrovai nel corpo di quel bambino, provando il dolore che gli stavo causando. La stessa prospettiva si ripropose per ogni episodio negativo della mia infanzia. Un numero piuttosto alto per la verità. Dalla quinta elementare fino all'ultimo anno di superiori penso di avere fatto a pugni almeno seimila volte. Ora, mentre rivedevo la mia vita in seno all’Essere, rivissi ognuno di questi scontri, ma con una differenza di rilievo: io ero quello che subiva.   Non ero quello che subiva nel senso che sentivo i pugni che io stesso avevo tirato. Provai piuttosto l’angoscia e l’umiliazione che aveva vissuto il mio avversario. Molte delle persone con cui mi battei se lo erano meritato, ma altre erano vittime innocenti della mia rabbia. Ora ero costretto a provare il loro dolore. Sentii anche il tormento che avevo dato ai miei genitori. Ero stato incontrollabile e orgoglioso di esserlo. Sebbene mi avessero punito e sgridato, io avevo fatto loro capire che la disciplina non aveva nessuna importanza per me.
Mi avevano supplicato molte volte e molte volte erano rimasti frustrati. Mi ero anche vantato spesso con i miei amici di come avessi ferito i miei genitori. Ora, nel rivedere la mia vita, sentii la loro sofferenza psicologica nell’avere un figlio così cattivo. La mia scuola nella Carolina del Sud aveva un sistema di demerito. I genitori degli studenti che ricevevano 15 demeriti venivano convocati per un colloquio, mentre gli studenti che ricevevano 30 demeriti venivano sospesi. Il settimo anno ricevetti 154 demeriti entro il terzo giorno di scuola. Ero un cattivo studente. Oggi questi studenti vengono definiti “iperattivi” e si cerca di fare qualcosa per loro. A quei tempi venivano semplicemente definiti “cattivi ragazzi” ed erano considerati delle cause perse. In quarta elementare, un ragazzo dai capelli rossi di nome Curt ogni giorno mi aspettava prima dell’inizio della scuola e minacciava di picchiarmi se non gli avessi dato i soldi per il pranzo. Io ero spaventato e gli consegnavo i soldi. Alla fine mi stancai di restare tutto il giorno a digiuno e raccontai a mio padre quello che stava accadendo. Lui mi mostrò come fare un manganello con un paio di calze di nylon di mia madre, versandoci   dentro della sabbia e annodando le estremità. “Quando ti infastidisce di nuovo, colpiscilo con il manganello” mi disse.
Mio padre non intendeva fare del male a nessuno, mi stava solo mostrando come difendermi dagli altri ragazzini. Il problema fu che una volta che colpii Curt e presi i suoi soldi, iniziai a provare gusto nel fare a botte. Da quel momento, tutto ciò che desiderai fu infliggere dolore ed essere forte. Quando ero in quinta elementare feci un sondaggio tra tutti i miei amici per scoprire chi pensassero fosse il ragazzino più forte del vicinato. Furono tutti d’accordo che fosse un ragazzino tarchiato di nome Butch. Andai a piedi fino a casa sua e bussai. “C’è Butch?”, chiesi a sua madre. Quando uscì dalla porta, lo picchiai finché non cadde dal portico, poi corsi via. Non mi importava chi picchiassi, o quanto grossi fossero o quanti anni avessero. Tutto ciò che volevo era far loro uscire il sangue. Una volta, in sesta, un’insegnante mi chiese di smettere di creare scompiglio nella classe. Quando rifiutai, mi afferrò per un braccio e cominciò a camminare trascinandomi verso l’ufficio del preside. Appena uscimmo dall’aula, mi liberai dalla sua presa e la colpii con un pugno al mento che la stese a terra. Mentre lei si teneva una mano sul naso sanguinante, ci andai da solo all’ufficio del preside. Come spiegai poi ai miei genitori, non mi aveva infastidito andare dal preside, ma semplicemente non volevo che mi ci trascinasse l’insegnante. Vivevamo proprio accanto alla scuola che frequentavo e nei giorni in cui ero sospeso dalle lezioni, potevo sedermi sotto il portico e stare a guardare gli studenti nel cortile. Un giorno me ne stavo lì seduto   quando un gruppo di ragazzine si avvicinò alla recinzione e iniziò a prendermi in giro. Non sarei certo rimasto lì a subire.
Entrai in casa, presi il fucile di mio fratello e lo caricai con proiettili di sale. Poi tornai fuori e sparai dietro alle ragazze mentre fuggivano urlando. Quando ebbi diciassette anni, ero famoso nella scuola superiore per essere uno dei migliori nel fare a botte. Combattevo quasi ogni giorno per mantenere la mia reputazione. Quando non trovavo ragazzini da picchiare nella mia scuola, potevo contare su una sfida con i cattivi ragazzi delle altre. Almeno una volta alla settimana organizzavamo dei combattimenti in un parcheggio vicino alla scuola. Gli studenti venivano anche da posti distanti ben cinquanta chilometri per partecipare a questi combattimenti. Nei giorni in cui partecipavo io ai combattimenti, molti dei ragazzi non volevano uscire dalle macchine perché dopo aver battuto il mio avversario, me la prendevo con qualche spettatore giusto per divertirmi. Erano i giorni della segregazione razziale nelle scuole superiori, e si prospettavano grandi battaglie tra neri e bianchi. Il campione nero era un gigante di nome Lundy. Nessuno voleva fare a botte con lui dopo che aveva battuto il campione bianco in soli due minuti di scontro selvaggio. Anche io provai ad evitarlo perché sapevo che non avevo modo di batterlo. Un giorno incappammo l’uno nell’altro a un chiosco di hamburger. Cercai di andarmene velocemente ma lui si mise sulla mia traiettoria. “Ci vediamo domani mattina al parcheggio”, mi disse. “Ci sarò”, promisi.
Ma poi, mentre si girava per allontanarsi, lo colpii con tanta forza sulla parte destra del viso che lui non riuscì ad   aprire l’occhio per almeno dieci minuti. Mentre si dibatteva sdraiato a terra, gli girai attorno e lo presi a calci sul petto un paio di volte, più forte che potei. “Non potrò farlo domani” dissi, “quindi ho pensato che avrei dovuto sbrigare la faccenda oggi.” Sapevo di non poterlo battere in una battaglia ad armi pari, quindi l’avevo colpito quando era di spalle. Questa era la realtà che vivevo quando ero alle scuole superiori. Venti anni dopo, a una rimpatriata delle scuole superiori, un compagno prese da parte la persona con cui uscivo per raccontarle che tipo di studente fossi stato. “Lascia che ti racconti per cosa è stato famoso” le disse. “Prendeva la gente a calci nel sedere, ti soffiava le ragazze, o entrambe le cose.” Guardando al passato, non potevo essere più d’accordo. Nel periodo che seguì la fine della scuola, ero esattamente così. E già quando la panoramica della mia vita arrivò a quel punto, io mi vergognavo di me stesso. Ora conoscevo la sofferenza che avevo causato a tutti durante la mia vita. Mentre il mio corpo giaceva sulla barella, io stavo rivivendo ogni momento della mia esistenza, incluse emozioni, atteggiamenti e motivazioni. La profondità delle emozioni che provai durante la visione della mia vita fu sbalorditiva. Non solo sentii i sentimenti che avevamo provato io e la persona coinvolta nell’episodio, ma anche i sentimenti delle persone sulle quali tali episodi avevano avuto dei riflessi. Mi trovavo in una reazione a catena di emozioni, che mostrava quanto profondamente ci si influenza l’un l’altro.
Fortunatamente, non fu tutto negativo.   Una volta, per esempio, io e il mio prozio eravamo in macchina, quando vedemmo un uomo che stava picchiando una capra, la cui testa si era in qualche modo incastrata in una recinzione. L’uomo impugnava un ramo e picchiava la capra sul dorso più forte che poteva, mentre la capra belava agonizzante e terrorizzata. Fermai la macchina e saltai un fosso. Prima che l’uomo potesse girarsi, lo colpii più forte che potei dietro la testa. Mi fermai solo quando il mio prozio mi trascinò via. Liberai la capra e poi ce ne andammo sgommando. Ora, mentre rivivevo l’episodio, sentii la soddisfazione che sentì la capra nel vedere il contadino umiliato e sentii la sua gioia e il sollievo. E seppi che, a suo modo, l’animale mi disse “grazie”. Ma non fui sempre gentile con gli animali. Mi rividi nell’atto di frustare un cane con una cintura. Avevo sorpreso questo cane mentre masticava il tappeto nel nostro soggiorno e avevo perso il controllo. Mi ero tirato fuori la cintura e gliel’avevo fatta provare senza neanche tentare di usare una forma di insegnamento più blanda. Rivivendo questo episodio, sentii l’amore che il cane provava per me e capii che non aveva avuto intenzione di danneggiarmi. Sentii il suo rammarico e il suo dolore. Più tardi, quando ho ripensato a queste esperienze, mi sono reso conto che le persone che sono crudeli con gli animali e li picchiano, scopriranno poi quello che hanno fatto provare loro, quando vedranno la panoramica della loro vita. Scoprii anche che non conta tanto quello che fai, ma il motivo per cui lo fai. Per esempio, prendere a pugni qualcuno senza motivo mi fece molto più male che prendere a pugni qualcuno che mi aveva provocato alla lite.
Rivivere la situazione nella quale hai fatto del male a qualcuno solo per divertimento è ciò che provoca la pena più grande in assoluto. Non altrettanto doloroso è rivivere la situazione in cui hai fatto del male a qualcuno per un motivo del quale eri convinto. Questo divenne palese quando la panoramica della mia vita mi riportò agli anni di lavoro nei servizi segreti militari. Nell’arco di quelli che probabilmente furono pochi secondi, ripercorsi la mia formazioni di base, durante la quale imparai a canalizzare la rabbia nel mio nuovo ruolo di soldato da combattimento. Continuai a ripercorrere i corsi speciali, osservando e sentendo che il mio carattere veniva modellato allo scopo di uccidere. Era un periodo di guerriglie e mi ritrovai in giungle paludose a fare quello che più mi piaceva – combattere. Ero stato inserito in una squadra dei servizi segreti e avevo fatto per un po’ un “lavoro di osservazione”, che consisteva in poco più che osservare i movimenti delle truppe nemiche attraverso un binocolo. Il mio compito principale era quello di “pianificare ed eseguire la rimozione di politici nemici e di militari.” Per farla breve, ero un assassino. Non agivo da solo. Altri due agenti lavoravano con me quando perlustravamo la giungla alla ricerca di determinati obiettivi. La loro mansione era quella di individuare l’obiettivo attraverso un telescopio potenziato e verificare poi che la persona fosse stata eliminata come da richiesta. Il mio compito era tirare il grilletto. Una volta, per esempio, eravamo stati spediti a “finire” un colonnello che era nella giungla con la sua truppa. Le fotografie aeree ci avevano mostrato dove stava rintanato quel colonnello. Era nostro compito attraversare a piedi la giungla e trovarlo.
Benché questo tipo   di offensiva fosse dispendioso in termini di tempo, era considerato cruciale, perché ritrovarsi il leader ammazzato in mezzo alla truppa incrinava il morale degli avversari. Individuammo il colonnello esattamente dove le mappe mostravano che l’avremmo trovato. Ci sedemmo silenziosamente a circa seicento metri, ad aspettare il momento giusto per farlo “cadere”. Quel momento arrivò presto, il mattino dopo, quando la truppa si allineò per la rassegna quotidiana. Mi misi in posizione, portando il mirino del mio potente fucile da cecchino sulla testa del colonnello, che stava in piedi di fronte agli ignari soldati. “È lui?” chiesi all’osservatore, il cui compito era quello di identificare gli obiettivi con l’aiuto delle fotografie forniteci dai servizi segreti. “È lui”, rispose. “L’uomo in piedi davanti alle truppe è lui.” Sparai una raffica e sentii il rinculo del fucile. Un istante dopo, vidi la sua testa esplodere e il suo corpo accasciarsi davanti ai soldati sorpresi. Questo fu ciò che avevo visto quando l’episodio aveva avuto luogo. Durante la panoramica della mia vita, sperimentai l’accaduto dalla prospettiva del colonnello. Non sentii il dolore che probabilmente ha sentito. Invece, sentii la sua confusione nel sentire la sua testa venire a mancare e la tristezza nel realizzare, una volta abbandonato il proprio corpo, che non sarebbe mai più tornato a casa. Poi sentii il resto delle reazioni a catena – il dispiacere dei suoi familiari quando capirono che sarebbero rimasti senza chi provvedesse loro. Rivissi tutti i miei omicidi in questa prospettiva. Vidi me stesso compiere l’assassinio e poi ne sentii le terribili conseguenze.   
Durante le azioni, avevo visto donne e bambini assassinati, interi villaggi distrutti, senza nessun motivo o per i motivi sbagliati. Non ero stato coinvolto in queste stragi, ma ora mi toccava sperimentarle di nuovo, non dal punto di vista di chi le eseguiva, ma di chi le subiva. In una occasione, per esempio, fui inviato in un’area per uccidere un ufficiale governativo che non condivideva il “punto di vista americano”. Ci ero andato all’interno di una squadra. Il nostro scopo era quello di eliminare quell’uomo nel piccolo albergo di campagna dove alloggiava. Questo fatto avrebbe costituito la tacita dichiarazione che nessuno era fuori dal raggio d’azione del governo statunitense. Eravamo rimasti nella giungla per quattro giorni, ad aspettare l’occasione giusta per poter colpire con sicurezza questo ufficiale, ma lui era sempre circondato dal suo seguito di guardie del corpo e segretarie. Alla fine avevamo desistito e avevamo optato per un altro tipo di offensiva: a notte fonda, quando tutti sarebbero stati addormentati, avremmo semplicemente posizionato dell’esplosivo e fatto saltare in aria l’albergo. Questo fu esattamente quello che facemmo. Circondammo l’albergo con esplosivo al plastico e lo rademmo al suolo all’alba, ammazzando l’ufficiale insieme a una cinquantina di persone che alloggiavano lì. Ai tempi mi fece ridere e dissi all’ufficiale mio responsabile che tutti loro meritavano di morire perché colpevoli di connivenza.
Rividi questo episodio durante la mia esperienza di premorte, ma questa volta fui travolto impetuosamente da emozioni e informazioni. Sentii l’aspro terrore che tutte quelle persone provarono quando presero coscienza del fatto che le loro vite erano state stroncate. Sentii il dolore delle loro famiglie quando scoprirono di aver perso i propri cari   in un modo tanto tragico. In molti casi, sentii anche la mancanza che la loro assenza avrebbe significato per le generazioni future. Insomma io contribuii alla morte di dozzine di persone e mi risultò difficile sopportare di rivivere tali morti. L’unica cosa che mi salvava era il fatto che, in quel momento, avevo pensato che fosse giusto quello che stavo facendo. Uccidevo nel nome del patriottismo, e questo smussava gli orrori che avevo commesso. Una volta tornato negli Stati Uniti dopo il servizio militare, avevo continuato a lavorare per il governo portando a termine operazioni segrete. Larga parte del mio lavoro consisteva nel trasporto di armi, che venivano consegnate a popoli e nazioni simpatizzanti con gli Stati Uniti. Qualche volta venivo anche convocato per addestrare i soldati a diventare abili cecchini, maestri nell’arte della distruzione. Ora, nella panoramica della mia vita, fui costretto ad assistere alle morti e distruzioni che erano accadute come conseguenze delle mie azioni. “Ognuno è un anello nella grande catena che è l’umanità” disse l’Essere. “Quello che tu fai ha degli effetti sugli altri anelli di questa catena.” Mi vengono in mente molti esempi di questo meccanismo, ma uno in particolare spicca. Mi rividi mentre scaricavo le armi in un paese straniero. Erano destinate a essere utilizzate per combattere una guerra che era sostenuta dalla nostra nazione contro l’Unione Sovietica. Il mio compito era semplicemente quello di trasferire le armi da un aereo a un’area di nostro interesse militare. Una volta completato il trasferimento, ero tornato all’aereo e me ne ero andato. Ma andarsene non risultò così semplice nella panoramica della mia vita. Il mio punto di vista restò con le armi e le osservai mentre venivano distribuite nella zona di una base militare. Restai con le armi mentre venivano utilizzate per uccidere, alcune per uccidere persone innocenti e altre per uccidere persone non poi così innocenti. Insomma, fu orribile osservare il risultato della mia parte di lavoro in quella guerra. Il trasferimento delle armi in quell’area fu l’ultima missione in cui fui coinvolto prima di essere colpito dal fulmine. Ricordo di aver visto i bambini che piangevano quando gli veniva detto che i loro padri erano morti, con la consapevolezza che quelle morti erano causate dalle armi che avevo consegnato io. E questo era tutto, la panoramica della mia vita era finita. Una volta terminata la panoramica, arrivai a un punto della riflessione in cui fui in grado di valutare quello che avevo rivisto e tirare le somme. Provai vergogna. Capii di avere condotto la mia vita egoisticamente, sforzandomi raramente di essere d’aiuto agli altri. Non avevo quasi mai sorriso mosso da sentimenti di fratellanza o fatto dono a qualcuno di un dollaro solo per aiutare una persona in un momento di difficoltà. No, la mia vita era stata per me e solo per me. Non mi era importato mai nulla degli altri esseri umani. Guardai l’Essere di Luce e provai un sentimento di profondo dispiacere e vergogna. Mi aspettai un rimprovero, una sorta di scossone cosmico per la mia anima. Avevo rivisto tutta la mia vita e avevo capito di essere stato una persona davvero inutile. Cos’altro mi meritavo se non un rimprovero? Mentre guardavo l’Essere di Luce sentii come se mi stesse toccando: da quel tocco sentii l’amore e la gioia che possono essere paragonati solo alla comprensione incondizionata di un nonno per il nipote. “Ciò che sei, è la differenza che fa Dio” disse l’Essere. E quella differenza è l’amore. Non ci furono parole vere e proprie, questo pensiero mi fu comunicato tramite una sorta di telepatia. Ancora oggi, non sono sicuro dell’esatto significato di questa frase enigmatica. Comunque, questo fu quello che disse. Mi fu concesso di nuovo un momento di riflessione. Quanto amore avevo dato agli altri? Quanto amore mi ero preso dagli altri? Dalla panoramica a cui avevo appena assistito, fui in grado di vedere che per ogni fatto buono della mia vita, ce ne erano venti cattivi a controbilanciare. Se il senso di colpa fosse stato grasso superfluo, avrei dovuto pesare più di duecento chili. Quando l’Essere di Luce si allontanò, sentii il peso del senso di colpa alleggerirsi. Avevo sentito il dolore e l’angoscia della mia riflessione, dalla quale però avevo acquisito una consapevolezza che potevo mettere a frutto per correggere la mia vita. Riuscii a sentire il messaggio dell’Essere nella mia testa, di nuovo sotto forma di telepatia: “Gli umani sono esseri tesi a creare il bene sulla terra. Questo bene non si compie solitamente attraverso azioni grandiose, ma attraverso singoli atti di bontà verso le persone. Sono i piccoli gesti che contano, perché sono più spontanei e mostrano chi sei veramente.” Ne fui estasiato. Seppi in quel momento quale fosse il semplice segreto per migliorare l’umanità. La quantità di amore e sensazioni benefiche che ricevi alla fine della tua vita è uguale alla quantità di amore e ai sentimenti benefici che emani durante la tua vita. Era così semplice. “La mia vita sarà migliore adesso che conosco il segreto”, dissi all’Essere di Luce. Fu allora che mi resi conto che non sarei tornato indietro. Non avevo più vita da vivere. Ero stato colpito da un fulmine. Ero morto!

 

 

Footer

All rights reserved - © copyrigh Mario Palestro - mapale@email.it