Crea sito

 


Iscriviti al canale Youtube
JESUS CHRIST SUPERSTAR
PATERNOSTER
MARCELLO BACCI
OSCAR WILDE
ELLEN TERRY
KONSTANTIN RAUDIVE
LO SCIENZIATO RITORNATO DALL'ALDILA'

HOME   RITORNO DALL'ALDILA'   ARTICOLI   FOTO   TIMESTREAM   SUICIDIO    ALLAN KARDEC   VOCI DI M.BACCI   LIBRI   TABELLA   I MORTI DICONO   LIVELLI    DIO E MAMMONA



 

Alice Green descrive l’aldilà       

Alice Green si è manifestata attraverso una seduta con Leslie Flint (Medium), George Woods, e Betty Green (assistenti)  il 18 dicembre 1967.  Dice che è molto felice di essere in quella dimensione e non ha alcun desiderio di tornare sulla Terra. Sapeva poco o nulla di spiritualismo quando era sulla Terra. Era una Battista.   

[Articolo tradotto da: Mario Palestro]   


Alice Green non rimase sconcertata quando morì. Partecipò al suo funerale e poi, si sedette a casa ad ascoltare le persone che parlavano di lei. "Ero seduta lì a guardare intorno a loro", disse che nessuno poteva vederla e lei si annoiava a stare seduta lì ed essere inosservata, così uscì e se ne andò per strada. Neanche in strada, nessuno si accorse di lei.  Poi vide il marito arrivare verso di lei.  Lui era morto 40 anni prima nella I° guerra mondiale. Lei era arrabbiata con lui perché non andò al suo funerale.  Alice Green parla di questo fatto con fastidio quattro o cinque volte nel corso della seduta. Essi si avviarono poi insieme verso la strada, e lui le prese la mano.  La prossima cosa che vide, fu una piccola casa.  Era la sua casa. Sua madre era lì.   Ha chiesto di nuovo al marito perché non è andato al funerale e lui ha detto che non ha partecipato perché aveva da tempo chiuso  con le questioni terrene.  Descrive poi le persone che hanno partecipato al funerale. Ha detto ancora che era infastidita che il marito non era venuto al suo funerale.   Parlavano di cose della loro dimensione di vita, e poi disse: "Andiamo a fare una passeggiata." . Ha detto che nella vita terrestre aveva problemi con le ginocchia e non poteva camminare molto bene, ma nella vita ultraterrena quando camminava, non aveva dolore e camminava come se fosse di nuovo giovane.  Lei istintivamente mise la mano come per mettere un cappello, ma lui disse che non avrebbe avuto bisogno di cappelli lì.   Mentre si incamminavano vide case con giardino che sembravano come una comunità suburbana.  Il marito gli disse: "Stiamo andando verso la città."  Ha detto che passeggiavano in una grande città.  Non c'erano negozi, ma c'erano alcuni grandi edifici che sembravano musei.  Non vi erano chiese.   La gente camminava  casualmente, passeggiava,  i bambini giocavano e ridevano. C'era una musica meravigliosa proveniente da qualche parte.  Suo marito gli disse che il luogo dove c'era  la musica era più avanti, ma di non andarci per il momento. Poi la gente sapeva che lei era una nuova arrivata e hanno cominciato a dirigersi verso di lei in modo accogliente.  Sembravano così giovani che non riconosceva molti di loro (NOTA DI TESTO - NEL MONDO DELL'ALDILA' SI RIMANE SEMPRE SUI 25/30 ANNI DI ETA' E NON SI INVECCHIA.  CHI VI GIUNGE VECCHIO REGREDISCE FINO A RITORNARE GIOVANE). Suo marito continuava a dire sugli astanti: "Questo è così e così" e "Ti ricordi di tizio e caio?" (il marito descrive alla moglie le varie persone che si sono formate intorno a loro in quanto molto più giovani di come li ricordava lei, persone che aveva conosciuto vive sulla Terra e che erano successivamente morte. - nota di testo)  Poi uscirono dalla città e si avviarono verso la campagna. Disse:- "E'  stato come essere sulla Terra, con le case qua e là, ma senza il rumore e il traffico. C'erano bei colori ovunque. Gli edifici erano incantevoli" -  ha detto - "come se fossero di marmo."   Osservò con grande gioia che i suoi capelli erano proprio come lei li aveva quando era una bambina.  Erano di un nero corvino e scorrevano lungo la schiena. Quando lei morì, i suoi capelli erano grigi e tagliati corti. Ha detto che si sentiva come una ragazzina, saltava e rideva.   Quando era sulla Terra non riusciva a neppure camminare bene. Un piede era talmente gonfio che dovette indossare una pantofola su di esso.   Ha spiegato che lei ora si occupa di piccole decorazioni per le case della gente usando materiali vari. Hanno tavoli, sedie e così via. Decora con bei disegni e texture. Nell'aldilà ci sono animali, ma non vengono mangiati. Non usano lana e altri prodotti di origine animale per fare le cose. Usano materiali che provengono da condizioni naturali, non da esseri viventi. Niente soffre lì  né come un animale nè come qualsiasi cosa vivente  Dice che ha visto moltissimi animali, anche leoni e tigri. Ma sono docili.   Lei spiega che è religiosa, ma non religiosa nel modo in cui le persone lo sono sulla Terra, che lei descrive come "ristretti". Non ci sono chiese, ma alcuni edifici fungono come se fossero delle specie di "chiese", e li frequentano tutti coloro che ne sentono il bisogno. La religione, dice, è qualcosa che si vive e si sente.   Suo marito ama il suo giardino, dove crescono fiori bellissimi. Crescono in modo naturale, spiega.  Non raccolgono i fiori, non ne sentono alcun bisogno. Il terreno lì non è come sulla terra.   Ha incontrato la madre del marito, le zie, gli amici e un sacco di persone con cui aveva avuto relazioni umane sulla Terra. La vita lì è molto simile alla Terra. "Se eliminate dalla vita sulla Terra tutte le cose deprimenti, le cose brutte e tutte le cose che non sono necessarie, vi potete fare un'idea abbastanza reale di come è la vita dall'altra parte." Non ha mai visto il buio qui, ma la gente sente una sorta di stanchezza mentale. Riposano, ma non dormono.   Lei dice che è rimasta meravigliata dalle biblioteche e dai teatri dove ci sono concerti e musica. Nelle biblioteche c'è ogni libro che vale la pena leggere, che è di valore. Le persone possono prendere i libri e leggere, ma che in realtà non "leggono". "E' come se il libro ti parla", spiega.  Lei continua a dire che possono portare i libri dalla biblioteca, ma non è necessario.  E' come se ci fosse tutto quello che una persona possa desiderare, ma presto si rendono conto che non tutto è necessario.

Quando qualcuno vuole scoprire qualcosa come la filosofia, basta "sintonizzarsi" solo per tale cosa. Dice che una persona può entrare in sintonia con un libro per conoscere il suo contenuto.  "Il libro si esprime a voi". Ci si siede, ci si mette più vicino agli occhi, e tutti gli avvenimenti del libro sono "assimilati". Di conseguenza, invece che il lettore si faccia una propria idea, tutti ricevono le impressioni identiche di ciò che vuole esprimere l'autore.   Ci sono fasi belle e suoni meravigliosi.  Fanno vecchi giochi della Terra e molti nuovi giochi. Lei dice che amava il teatro sulla Terra e continua ad amare il teatro che fanno lì nella loro dimensione.   Nell'aldilà, ci sono grandi giardini, parchi e luoghi dove vi sono animali, come le tigri, ma non stanno in gabbie. Sono solo in aree separate. Il cielo non è veramente un cielo, ma ha dei bei colori. C'è musica in atmosfera, ma ogni persona ha bisogno di entrare in sintonia con essa. Sta al singolo individuo "sintonizzarsi". In campagna, la natura ha i suoi suoni. Ci sono fiori alti come alberi, con diverse sfumature, colori e odori che sono profumi sublimi. Ci sono migliaia di splendidi uccelli. Lei spiega che il loro mondo è come il nostro piano terrestre, ma molto meglio, e senza la sgradevolezza delle cose brutte. "E' perfetto", dice. Lei ripete che non ha alcun interesse per l'avanzamento di tale piano. (in quanto "mondo perfetto", il mondo dell'aldilà è perfetto così com'è, senza nulla togliere e nulla aggiungere - nota di testo)  Preferisce viaggiare a piedi, ma è possibile andare in altri posti, concentrandosi su di essi. Loro non sono consapevoli del "movimento",  nel senso stretto del termine dell'atto di muoversi quando viaggiano in questo modo, ma tutto intorno a loro cambia e in breve arrivano a destinazione.  

 



 

 
  Footer

  -   info@vitanellaldila.it   - All rights reserved - © copyrigh vitanellaldila.it                   

.