TIMESTREAM E’ LA PROVA DELLA VITA ULTRATERRENA?


“Autorevoli Ricercatori di diverse prestigiose Universita’ di tutto il mondo, ritengono che gli EVP (Electronic Voice Phenomena) siano davvero messaggi dall’Aldilà che tutti noi riceviamo dai nostri Cari!”

Il professore Ernst Senkowski si curva sopra una massa di fili e vecchi apparecchi radiofonici nel suo laboratorio. All’occhio non addestrato appaiono un groviglio impossibile da dipanare, ma per il professore è una macchina con proprietà soprannaturali: per quello che ha scoperto nel corso dei suoi esperimenti, si tratta di un’apparecchiatura per comunicare coi defunti. Mentre il vento ulula fuori dal suo laboratorio, il professore di fisica mi parla della prima comunicazione ricevuta dal suo equipaggiamento. Una voce giunse attraverso l’apparecchiatura e mi disse piuttosto chiaramente: “Noi siamo i morti. Siamo ancora in grado di pensare e parlare.”

Prof. Ernst Senkowski
Ovviamente -aggiunge sorridendo- ne rimasi molto scosso. ” L’incontro spettrale del Prof Senkowski potrebbe essere facilmente deriso come il prodotto di una fervida immaginazione, ma egli ci é parso molto serio nelle sue affermazioni . Per lui questo era il primo dei suoi ‘messaggi dai defunti’. Poco tempo dopo, crede di aver ricevuto una comunicazione da suo padre, che era morto molti anni prima, il quale invio’ i suoi saluti ad ‘Ernst,il mio nanetto’ . “Mi ha parlato in un dialetto Prussiano obsoleto – aggiunge il professore- e nessuno tranne mio padre ha mai usato, o conosciuto, quel mio soprannome. Non ero uno che ci credeva. Sono un fisico. Ma quel che mi é accaduto, conferma che i morti cercano di comunicare con noi. ”
Per quanto possa apparire un tipo un po’ eccentrico, l’ emerito Professor Senkowski è un famoso fisico al Politecnico di Bingen, in Germania, e appartiene a quella sempre più nutrita schiera di accademici mondiali che studiano le Transcomunicazioni Strumentali (EVP’s) che sembrano provenire dai Defunti. Le comunicazioni spesso somigliano a voci spettrali e vengono registrate da radio e registratori magnetici, e di quando in quando sotto forma di immagini televisive che misteriosamente arrivano inaspettate. I Ricercatori affermano che queste comunicazioni, note come (EVP), possono essere ricevute in modo chiaro e forte e, cosa ancora più intrigante, che le voci spettrali spesso parlano di una meravigliosa esistenza ultraterrena, piena di felicità, dove non esistono sofferenza e solitudine.

Inevitabilmente, Hollywood ha ripreso la faccenda, lanciando in tutto il mondo il film White noise (Rumore Bianco), che narra la storia di un architetto di successo, contattato via EVP dall’ oltretomba dalla moglie, vittima di un omicidio e di tutti i successivi inquietanti sviluppi. Nella vita reale, quelli che studiano le Transcomunicazioni strumentali, raramente hanno simili esperienze terrorizzanti e, sorprendentemente, fra loro vi sono rispettati ricercatori, diplomatici ed accademici. Circa 20 nazioni hanno costituito gruppi d’indagine dediti a studiare il misterioso fenomeno e i ricercatori britannici hanno raccolto prove inoppugnabili a conferma che le voci spettrali provengono davvero dai Defunti. Siamo davvero in grado allora di comunicare con l’Aldilà o si tratta solo di un altra delle tante affermazioni sensazionalistiche sul paranormale? Il Professore David Fontana, uno psicologo dell’Università di Cardiff , pensa che siamo sul punto di ricevere un’importante rivelazione scientifica. Egli afferma che l’evidenza che le voci spettrali siano causate dai morti è ora “INOPPUGNABILE” ed aggiunge: “[Gli EVP] Non sono il risultato di frode o di onde Radio DISPERSE catturate dagli strumenti. Ci restano solo due possibili spiegazioni. La prima è un effetto psicocinetico, dove la mente umana in qualche modo registra una voce direttamente sopra un nastro o l’invia ad una radio. La seconda possibilità è che provenga da defunti. Ora il Prof Fontana ha raggiunto una sua personale conclusione: “Mi sembra che gli EVP per la maggior parte dei casi provengano dai morti”.
Il Voice Phenomena elettronico é stato scoperto poco dopo l’invenzione della radio, [forse, come mi raccontava mio Padre, dallo stesso G. Marconi, che pensava di comunicare coi Marziani- ndr]. Ben presto si cominciarono a sentire voci spettrali sopra le normali emissioni ed era piu’ facile sentirle sulle registrazioni magnetiche delle stesse trasmissioni.
Gli Ingegneri ormai progettano radio dalla ricezione perfetta, ma hanno spesso sentito inaspettate voci bisbigliare nel sottofondo – voci che ovviamente non erano presenti nella trasmissione originale.
Nonostante la Tecnologia avanzata faccia il possibile, gli ingegneri non hanno mai eliminato completamente questi bisbiglii. Dopo un po’ di tempo, gli occasionali fantasmi registrati dalle apparecchiature sono stati ignorati ed etichettati come interferenze, ma tutto questo é cambiato nel 50, quando la Chiesa Cattolica ha cominciato ad interessarsene.
Per quanto strano possa sembrare, il Vaticano finanzia un gran numero di scienziati con lo scopo di tenere la Chiesa al passo con gli sviluppi tecnologici. Spesso si tratta di ricercatori dotati d’ingegno che indicano alla scienza nuove prospettive .
Nel 1952, due di questi ricercatori sono “inciampati” nelle comunicazioni paranormali durante l’incisione di alcuni canti Gregoriani. Come risentirono la registrazione appena effettuata, Padre Gemelli e Mons. Pellegrino Ernetti notarono una voce di sottofondo- voce che non era certamente presente nell’originale e Padre Gemelli comprese che quella era la voce di suo padre. I due prelati registrarono il pezzo ancora una volta e di nuovo sentirono la stessa voce dire piuttosto chiaramente: “Ma… Zuccone, è tanto chiaro, non capisci che sono io?” Di nuovo era la voce del defunto genitore di Padre Agostino Gemelli, ma il fatto straordinario era che aveva usato il nomignolo Zuccone, un nome conosciuto solo da lui e dai suoi genitori! Padre Gemelli era convinto che quelle poche parole provenissero da suo padre, così i due religiosi portarono le loro scoperte a Papa , con risultati sorprendenti. Aspettandosi un castigo per esser stati coinvolti dalla magia, i due cascarono dalle nuvole nello scoprire che il Papa si mostrò invece entusiasta della loro ricerca. Pio XII li rassicurò dicendo: “Questo esperimento può diventare la pietra angolare dell’ edificio degli studi scientifici che fortificheranno la fede del popolo nell’Aldilà.”
Stranamente però, lo studio scientifico degli EVP non è stato più ripreso da nessuno fino al 1971, quando alcuni ingegneri del suono della Pye Records di Londra decisero di indagare sul fenomeno. Venne ad aiutarli Konstantin Raudive, un esperto di EVP. Raudive fu stato fatto sedere in un studio ed iniziò a parlare davanti ad un microfono.
Lo studio ed il microfono erano stati completamente schermati dalle onde radio e da eventuali campi magnetici, eliminando tutte le possibili fonti di interferenze elettroniche o di frode.
Gl’ingegneri registrarono sul nastro la voce di Raudive per 18 minuti, durante i quali nessuno dei tecnici ebbe a sentire alcuno altro suono di fondo, ma quando gli scienziati riavvolsero il nastro, poterono sentire le voci di più di 200 persone! Nonostante ciò, la Pye Record non fece nulla per interessare altri ricercatori scettici, affermando che doveva trattarsi del lavoro di burloni ed in seguito ha semplicemente ignorato questo esperimento . D’altro canto, quegli esperti che credettero al fenomeno, non se ne interessarono ulteriormente, dichiarando che ormai gli EVP erano un fatto scientifico verificato.
Successivamente, solo piccoli gruppi di ricerca composti da appassionati al fenomeno, sparsi in tutto il mondo, hanno continuato la loro opera. Uno di questi era l’industriale americano George Meek, che si era fatto una fortuna nell’industria del condizionamento dell’aria ritiratosi il giorno del suo 60° compleanno, al fine di coltivare il suo interesse per i poteri sconosciuti dello spirito umano.

Egli organizzò squadre di ricerca e le inviò in parti remote del mondo per investigare la guarigione sciamanica e l’uso a fini anestetici dell’agopuntura durante gli interventi chirurgici. Egli ha anche condotto molti esperimenti per conto proprio ed è stato affascinato dalle implicazioni emotive che si sviluppano fra le piante e le persone che le curano. La più strana delle sue invenzioni fu lo Spiricom, un’apparecchiatura radio che sperava potesse stabilire un contatto col mondo ultraterreno. Per mesi durante il 1979, lui ed il suo collaboratore, un Medium dilettante, tale Bill O’Neil, hanno lavorato sulla macchina senza successo finché, improvvisamente, un giorno, una voce spettrale riempì la stanza. L’entità, identificato come quella del Dr. George Jeffries Mueller, un scienziato della NASA morto nel 1967, annunciò di essere ritornato ad aiutare gli scienziati per costruisce un ponte tra il mondo dello spirito ed il nostro. Nelle settimane susseguenti, Meek ed O’Neil affermano di aver registrato 20 ore di conversazioni con Mueller, soprattutto discussioni tecniche su come perfezionare lo Spiricom e, nel 1982, i due hanno rivelato al mondo la loro invenzione.
Malgrado abbiano speso circa mezzo milione di dollari in ricerche sulla loro macchina e rilasciato il suo disegno a chiunque volesse copiarlo, nessun altro ha vantato simili successi nel contattare i morti.
Chi crede nelle EVP é costernato ma alcuni hanno suggerito che i positivi risultati iniziale fossero dovuti alle capacità medianiche di O’Neil, la qual cosa non può essere replicata da una semplice macchina. Gli Scienziati ufficiali sono rimasti scettici almeno fino ad alcuni anni fa, quando ricercatori Spagnoli e Francesi hanno rivelato alcune scoperte stupefacenti che hanno aperto una prospettiva tutta nuova sul soggetto.
Avevano, così hanno detto, cominciato a ricevere una radiotrasmittente spirituale piena di voci di sedicenti defunti, il cui nome e’ Timestream (Il fiume del tempo).
Piuttosto che essere un fenomeno fugace facilmente dismissibile dagli scettici, i ricercatori sono ancora in contatto con Timestream settimanalmente e continuano a studiare i suoi messaggi.
Si tratterebbe del più bizzarro fenomeno ESP di tutti i tempi, ed ha un gran numero di ricercatori eminenti al suo seguito. La Dr.ssa Anabela Cardoso é stata la prima a ricevere Timestream e non é mai stata presa per pazza, anzi è uno dei più seri e stimati diplomatici Portoghesi, avendo ricoperto cariche di Console Portoghese negli Stati Uniti e Console Generale in Francia e Spagna.
Molte delle comunicazioni ricevute dalla Dr.ssa Cardoso- testimoniate dal Prof. Fontana- sono state sorprendentemente ottenute con equipaggiamenti non proprio professionali. La Cardoso usa cinque radio, tutte sintonizzate su canali diversi, per cui giunge solo ‘white noise (rumore bianco o di fondo). Questi canali sono registrati usando un comune registratore da pochi soldi. I ricercatori affermano di sentire le voci degli spiriti, quando riascoltano queste incisioni.
Naturalmente, molti rimangono profondamente scettici, ma lasciateci mettere da parte il dubbio per un momento e porre questa domanda: se veramente queste trasmissioni venissero inviate dall’Aldilà , cosa potrebbero cercare di dirci sulla vera natura della vita e della morte?
“Mi é stato detto che tutti sopravviviamo alla morte – dice la Dr Cardoso. ‘tutti gli esseri viventi, inclusi le piante e gli animali, continuano a vivere dopo che muoiono. La Sofferenza è anche molto importante per lo sviluppo spirituale. Essi ci dicono che dovremmo vivere felici e contenti di esserlo, ma che dovremmo comprendere che quando giunge la sofferenza, essa aiuterà la nostra crescita ed il nostro sviluppo spirituale. La vera consapevolezza spirituale consiste nell’accettare la nostra vita per come é e non per come vorremmo che fosse”.
Le comunicazioni da Timestream suggeriscono anche che la vita ultraterreno è quasi simile a quella terrena, salvo che è molto più bella e meno condizionata dalle leggi fisiche. La Dr Cardoso aggiunge che gli Spiriti possono muoversi disinvoltamente a velocità infinita; possono essere in due luoghi diversi contemporaneamente ed il Tempo sembra non avere più quasi alcun significato. In tutto il Regno, umani, piante ed animali hanno tutti lo stesso valore spirituale.
Sono solo elucubrazioni mistiche? Non tutti la pensano così. Il Prof Fontana ha studiato gli EVP per tre anni avendo lavorato fianco a fianco con la Dr Cardoso e si dichiara convinto che i suoi risultati sono genuini. Ecco alcune sue dichiarazioni: “Abbiamo accumulato un enorme quantitativo di evidenze per gli EVP. Il lavoro della Dr Cardoso è davvero grandioso. Ho lavorato con lei da quando ha ricevuto informazioni da Timestream in condizioni tali da escludere ogni possibilità d’interferenza o d’imbroglio. Se poni loro delle domande, ottieni risposte valide. E’ tutto troppo, troppo convincente.
In più, le voci di Timestream sono state analizzate dall’Università di Vigo in Spagna e dal rispettato “Il Laboratorio” di Bologna, in Italia. Uno degli esperti d’analisi vocale de “Il Laboratorio” lavora per la polizia italiana e per i Tribunali. Le tecniche d’analisi vocale computerizzate che ha usato erano identiche a quelle utilizzate dall’ FBI. Tutti questi esperti affermano che le voci non sono umane.”
Altri rimangono dubbiosi. Il Professore Chris French del Goldsmiths College di Londra è ancora molto scettico sul lavoro fatto dai ricercatori EVP.
Dice: ‘Io ho notato che alcuni esempi di EVP sono il risultato di ricevitori che catturano onde radio erratiche ed il resto è semplicemente aggiunto dall’interpretazione che le persone danno del rumore casuale. E’ simile al vedere la faccia della Vergine Maria su un toast bruciacchiato o sentire comunicazioni Sataniche quando un disco dei Led Zeppelin è suonato al contrario. ”
Ma gli Accademici che studiano il fenomeno sono convinti di poter controllare eventuali trucchi, interferenze radio e di non sovrastimare i risultati. Vogliono andare avanti e cominciano ad interrogare i morti per vedere se riveleranno maggiori dettagli sulla vita ultraterrena.
“Sono convinto che qualcosa di paranormale accade e continuerò a studiare il fenomeno”, conclude il Prof Fontana.

Precedente ESPERIMENTO ACUSTICO CON MAGNETOFONO Successivo ALLAN KARDEC | Hippolyte Léon Denizard Rivail