Crea sito
 


Disse Gesù “...dopo l’Ariete i Pesci. E poi verrà l’Acquario. Allora l’uomo scoprirà che i morti sono vivi e che la morte non esiste."  Da "Il Gesù proibito" di Mario Pincherle - IL QUINTO VANGELO
HOME   RITORNO DALL'ALDILA'   ARTICOLI   FOTO   TIMESTREAM   SUICIDIO   ALLAN KARDEC   VOCI DI M.BACCI   TABELLA   I MORTI DICONO   LIVELLI    DIO E MAMMONA

SPIRITO DI CONFUCIO
Perle di saggezza di questo filosofo cinese vissuto 2.500 anni fa
dove ammonisce e chiarisce alcuni aspetti dell'esistenza umana e dell'aldilà. Dalla sua vera voce una incredibile testimonianza sui mondi dell'aldilà, sui grandi esseri evoluti che stanno molto al di sopra delle città spirituali e un accenno indiretto agli "helper" coloro che aiutano spiriti malconci sofferenti.
CON AUDIO ORIGINALE

SPIRITO DI ALICE GREEN
"E' stato come essere sulla Terra, con le case qua e là, ma senza rumore e traffico. Gli edifici erano incantevoli"
Alice Green in spirito, ci racconta come è andata dall'altra parte, cosa successe quando morì e il suo stupore nel constatare che "nessuno mi vedeva". Il rimprovero al marito (deceduto molti anni prima) perché non era andato al suo funerale, lo stare nella stanza tra i parenti, ma invisibile ai presenti.

SPIRITO DI MR. OHLSON
"Non ho nessun rimpianto, sono molto felice e non tornerei sulla Terra nemmeno se mi offrissero tutto l'oro della Cina"
Mr. Ohlson ci racconta la sua esperienza nell'aldilà e di come sia felice in quel mondo tanto simile alla Terra ma completamente diverso per colori, amore, vita, felicità, etc. Infatti dice che la morte
"...è l'esperienza più bella che può capitare ad un essere umano" Una testimonianza da leggere.

SPIRITO DI SAM WOODS
"Sono morto nel mio letto di vecchiaia. Nel giro di pochi giorni ho tirato le cuoia. E' come andare a dormire. Tutti i tuoi vecchi amici li ritrovi intorno a te"
.
Altra importante testimonianza diretta dal mondo dell'aldilà tramite lo spirito si Sam Woods dove rassicura tutti che non bisogna avere paura della "morte" poichè essa è la nascita in un mondo più felice e meraviglioso di questa nostra Terra poiché lì non esiste denaro.

SPIRITO SIR OLIVER LODGE
"Per noi è come una nebbia. Vi è una terribile atmosfera intorno al vostro mondo....! Tutto il tempo della vostra esistenza la vivete come sull'orlo di un precipizio..." Lo spirito di Sir Oliver Lodge ci richiama al contesto malvagio in cui versa la Terra cone le sue guerre, omicidi, cattiverie, invidie, gelosie, egoismi. Lui dice che per loro è una grande difficoltà avvicinarsi a noi poichè il mondo è avvolto in nebbie malefiche.

SPIRITO REGINA VICTORIA
"Lavorate per fare la volontà di Dio, mentre siete ancora sulla Terra. Arriverà la fine, anche se può sembrare lontana, ma io sono sicura che arriverà. "
Stupenda testimonianza della regina VITTORIA (fu Regina del Regno Unito dal 20 giugno 1837). Dalla sua vera voce ammonimenti e rettifiche sul suo operato quando era sulla Terra.
CON AUDIO ORIGINALE



Mario Palestro

“Nessuno può servire due padroni: o odierà l'uno e amerà l'altro, o preferirà l'uno e disprezzerà l'altro: non potete servire a Dio e  mammona.“ (Mt.6, 24)  -  [Articolo di ®Mario Palestro ]


Chi è ricco, difficilmente arriverà al 3° livello di esistenza spirituale (livello dove va la maggior parte delle persone "normali" presenti nei vari mondi abitati, definiti normali nel senso che non hanno troppe macchie sulla coscienza), chi è delinquente, egoista, assassino, imbroglione,corruttore,profittatore,stupratore,violentatore, violento,rissoso,istigatore ad azioni malvagie, responsabile di suicidio,....etc,etc,etc, giungerà al 1° livello, posto brutto, buio, freddo, oscuro, denso di malvagità, popolato da esseri spregevoli e disgustosi più di colui che vi giunge. Al massimo, se le sue responsabilità non sono troppo gravi, stazionerà per un bel pezzo al 2° livello, una specie di purgatorio, un posto comunque oscuro e poco ospitale, popolato da gente che ha parecchie colpe da espiare (tenere presente che tra questi livelli ci sono gradi intermedi più bassi o più elevati, sempre secondo le responsabilità individuali di ciascuno). Amici miei, che ci crediate o meno, che siate atei o credenti o agnostici o qualunque altra forma di credo possediate...la verità è riassunta in queste poche righe sopra descritte. Vi riporto ora cosa disse lo spirito del dr. Andrè Luiz al medium Francisco Chico Xavier. Ma chi era il dr. Andrè Luiz? Fu un ricco e facoltoso medico brasiliano dedito al gioco d'azzardo, alle belle donne di malaffare, ai piaceri della vita, egoista, tutto concentrato sui suoi averi e piaceri personali. Ma fu anche un buon padre di famiglia, un ottimo marito (se non consideriamo le sue numerose scappatelle, comunque amava la moglie e non gli faceva mancare nulla né a lei né ai figlioletti). Già, tutto procedeva a gonfie vele...finché un giorno morì. Lì inizio il suo calvario e l'espiazione delle sue numerose colpe. Dopo un sonno durato parecchio, si risvegliò in un posto buio, oscuro, pieno di esseri che piangevano e si lamentavano, ma anche di esseri che scarrozzavano in lungo e in largo a tormentare i co-residenti...un posto da follia. Immaginate per un momento la sua sorpresa nel constatare che non era morto affatto, a parte il suo corpo terrestre, e ritrovarsi con un corpo simile, ma in una regione dei mondi spirituali brutta e densa di dolore. Sulla sua storia hanno realizzato un bel film, NOSSO LAR (La nostra dimora) che il sottoscritto si è preso la briga di sottotitolare in italiano. Le testuali frasi dello spirito del dr. Andrè Luiz sono di una illuminazione e di una saggezza che lo scrivente le ripeterebbe a reti unificate in tutto il mondo. Leggete cosa disse (dopo che con molta fatica riuscì comunque ad elevarsi spiritualmente e capire il vero senso della vita e dell'esistenza): - "Figlio di genitori forse eccessivamente generosi, avevo conquistato i miei titoli universitari senza un così grande sacrificio, ho condiviso i vizi della gioventù del mio tempo, avevo organizzato la mia dolce casa, avevo avuto dei figli, avevo raggiunto quella situazione stabile che garantisce la tranquillità economica del mio nucleo famigliare, ma analizzando con attenzione me stesso, qualche cosa mi faceva avvertire quella sensazione di tempo perso, con quella silenziosa accusa della mia coscienza. Avevo abitato la Terra, ne avevo goduto i beni, avevo raccolto le benedizioni della vita, ma non avevo retribuito un centesimo dell'enorme debito... Avevo avuto dei genitori la cui generosità e i cui sacrifici per me non avevo mai calcolato; la moglie e i figli che avevo scelto e preso con possesso, tra le tele rigide del mio egoismo. Possedevo un focolare domestico che avevo chiuso a tutti quelli che camminavano nel deserto dell'angoscia. Mi ero deliziato con le gioie famigliari, scordando di stendere questa benedizione divina all'immensa famiglia umana, sordo ai semplici doveri della fraternità. Infine, come un fiore nella stufa, non sopportavo ora quel clima della realtà eterna. Non avevo sviluppato in me i germi divini che il Signore della Vita aveva collocato da sempre nella mia anima. Li avevo soffocati criminosamente nel desiderio di un benessere sfrenato. Non avevo allevato quegli organi per una nuova vita. Era giusto, anche, che mi risvegliassi come fa uno zoppo che restituito al fiume dell'eternità infinita, non può che accompagnarsi se non convulsamente al correre vorticoso delle acque; oppure come un mendicante infelice, che esausto in pieno deserto vaga inerme alla mercé dei tifoni impetuosi. Oh! amici fraterni della Terra! Quanti di voi potrebbero evitare questo cammino del rammarico con la preparazione ai terreni più interiori del cuore? Accendete la vostra luce divina, prima di attraversare la grande ombra. Cercate la verità, prima che la verità vi sorprenda. Sudate adesso per non piangere poi."  - [Estratto dal libro NOSSO LAR - La Nostra Casa Spirituale -medium Francisco Cândido Xavier].

La domanda che ognuno dovrebbe porsi è se ci conviene agire malvagiamente e insistere oppure non sia il caso di fare molti passi indietro e riparare al male che abbiamo compiuto in passato? Conviene vivere nel male solo per assicurarci in questo miserabile e sperduto pianeta nell'universo quei 30/40/50/ anni di vita agiata (a spese di altri nostri fratelli spirituali che invece vivono nell'affanno e nell'indigenza anche per colpa nostra)? Che ci crediate o no, pagheremo ogni capello torto, ogni difficoltà causata agli altri, ogni vantaggio avuto a spese altrui, ogni omicidio commesso, ogni male fatto agli altri (ma anche a sè stessi in caso di suicidio per sfuggire alle proprie responsabilità o uccisione del proprio corpo tramite droghe e porcherie varie). I mondi spirituali non perdonano, non è come qui sulla Terra che puoi trovare chi ti protegge dalle tue responsabilità o amici potenti e compiacenti che ti tirano fuori dai guai. No, in quelle regioni brutte, buie e desolate sarai solo con te stesso e con altri peggio di te, e nessuno potrà aiutarti...se non te stesso! Già, solo tu puoi salvare te stesso. Ma allora viene da chiedersi come fa un assassino, un omicida, uno che ha distrutto vite altrui, uno che è intriso di male da ogni poro...a recuperare e cercare di soffrire il meno possibile? C'è un solo modo! Dedicarsi agli altri, essere o almeno sforzarsi di essere altruisti quando se ne presenta l'occasione ma anche andandosele a cercare le vere occasioni di aiutare gli altri nel caso di individui colpevoli di gravi azioni ai danni del prossimo come potrebbero essere gli assassini, stupratori, violentatori ad esempio, iscrivendosi ad associazioni di volontariato, croce rossa, emergency e quant'altro la società civile offra per riscattarsi e dedicare la propria vita al servizio dei più bisognosi e dei più deboli. Già azioni come queste scongiurano se non al 100% ma almeno gran parte del debito spirituale che uno dovrebbe andare poi a pagare in quelle brutte regioni per centinaia di migliaia di anni. Un ex mafioso, un ex omicida, un ex delinquente, un ex pedofilo, un ex violento, rinsavito e pentitosi in cuor suo per davvero delle proprie azioni malvagie e di tutto il male causato a povere vittime innocenti, potrebbe intraprendere questo cammino che, se il pentimento è davvero sentito in cuor suo, se per davvero costui prova schifo di sè, disgusto e dolore per tutto ciò che ha causato ad altri, questo lo metterebbe al riparo da una grandissima sofferenza futura nelle basse regioni dei mondi spirituali. Io amico mio posso solo indicarti la strada, posso soltanto dirti quello che puoi fare per te stesso e per gli altri, ma chi deve incamminarsi in queste autostrade sei solo tu, io non posso farlo al posto tuo, né altri possono sostituirsi a te. L'evoluzione spirituale è personale e individuale. Dio ci ama tutti, ama anche chi ha gravemente sbagliato e causato molto dolore e sofferenza a tanta gente, ma la decisione di ciò che vuoi fare per la tua vita spetta solo a te. Questo è il "LIBERO ARBITRIO". Un giorno, ognuno di noi si ritroverà solo con sè stesso e si chiederà:-"Ho agito bene oppure male?" - e la condizione in cui ti ritroverai, quella sarà la risposta!

 [Articolo di ®Mario Palestro - Questo articolo può essere riprodotto ovunque a patto che se ne citi l'Autore e la Fonte]
 

Footer

All rights reserved - © copyrigh Mario Palestro - mapale@email.it